• +39 338 90 87 477

Domenica 10 novembre si sono tenuti i consueti Campionati provinciali di corsa campestre a Fiorenzuola e l’Atletica Piacenza non poteva mancare con il meglio degli specialisti del settore.Tra gli Assoluti ha vinto Andrea Amore seguito da Michele Pezzati: i due hanno ottenuto rispettivamente il tempo di 17’26”42 e 17’59”27 sui 5km. Nelle Assolute, Chiara Dallavalle si è aggiudicata la medaglia d’argento con il tempo di 13’14”81 sui 3 km. Sempre sul percorso di 3km, ma nella categoria Allievi, è stata tripletta biancorossa sul podio grazie a Filippo Giandini, primo in 10’07”36, Giulio Bianchi, secondo in 10’21”74, e Andrea Scilio, terzo in 10’39”94. I tre sono erano seguiti da altri due compagni di squadra, Matteo carini e Samuele Romersi. Tripletta dell’Atletica Piacenza anche nella categoria Allieve, sulla stessa distanza dei maschi: ha trionfato Emma Casati con il tempo di 10’49”44, seguita da Elisa Magnaschi, 12’54”63 e da Amelia Sampaolo, 13’19”64. Sui 2km riservati alla categoria Cadetti, il sodalizio biancorosso ha visto l’argento di Davide Bolzoni in 6’39”63 e il bronzo di Flavio Zaretti, che ha chiuso la fatica in 6’41”02. Sulla medesima distanza, ma al femminile, si è aggiudicata l’oro tra le Cadette Monia Harbi, con il tempo di 7’32”6. Nella categoria Ragazzi, Antonio Petitto è giunto al secondo posto nei 1000m, seguito a breve distanza dal compagno Camillo Palpi, rispettivamente in 3’25”60 e 3’29”42; al femminile si è aggiudicata l’oro Lisa Russo con il crono di 3’37”26, mentre a Giulia Boccuni è toccato l’argento, grazie al tempo di 3’48”29. Gli esordienti A hanno gareggiato sui 800m: tra i maschi Davide Zanirato ha vinto la gara con 2'53”99, mentre Lorenzo Geroldi è giunto terzo con il tempo di 3’18”18. Tra le femmine, l’Atletica Piacenza ha potuto contare sulla vittoria di Lavinia Guarnieri e Anna Rossetti, rispettivamente in 3’20”02 e 3’24”43. Infine, Valentino Palpi è riuscito ad ottenere la medaglia di bronzo sul percorso da 600m degli esordienti B. Oltre ai bellissimi podi e vittorie, l’Atletica Piacenza ha potuto contare su una nutritissima partecipazione di molti dei suoi ragazzi, che hanno contribuito a rendere la manifestazione organizzata dalla Fiorenzuola Atletica una festa del cross piacentino.

Foto

Risultati

 

Andrea Dallavalle, saltatore cresciuto nel vivaio dell’Atletica Piacenza, ora in forze al Gruppo Sportivo Fiamme Gialle, può finalmente preparare le valigie per volare a Doha: è proprio in Qatar che si terranno i Campionati mondiali assoluti di atletica leggera. Per Andrea, la rincorsa a questo sogno è iniziata molto da lontano: proveniente da una famiglia di atleti, è stato preso sotto la guida di Ennio Buttò, con cui ha maturato numerosi successi. Il sodalizio tra i due ha infatti portato a sette titoli tricolori, 4 medaglie europee, due argenti e due bronzi, 3 record italiani, il tutto nelle categorie giovanili. Dal 2017, Andrea ha iniziato ad affacciarsi seriamente nell’atletica dei grandi: grazie ad un poderoso balzo a 16,87m, ottenuto a Grosseto in occasione dell’argento europeo, il piacentino riusciva a staccare il biglietto per partecipare ai Campionati mondiali assoluti di quell’anno. Tuttavia, in quell’occasione, si decise di non partire: il ragazzo non era ancora pronto ad affrontare una sfida simile. Dopo un 2018 molto travagliato a causa degli infortuni, Andrea è tornato alla ribalta nel 2019 con un bronzo europeo under23 a Gaevle, in Svezia, grazie alla misura di 16,95m, che gli ha permesso di qualificarsi per i mondiali e di posizionarsi al primo posto nelle graduatorie italiane stagionali. Ora, pronto per questa nuova entusiasmante avventura, Dallavalle sta ultimando la preparazione in vista della gara di qualificazione del 27 settembre. Come procede la rifinitura? Gli ultimi allenamenti procedono come previsto. Sono pronto a mettermi in gioco e duellare con i grandi. Ai Campionati del mondo dovrai affrontare super atleti del calibro degli statunitensi Christian Taylor e Will Claye, entrambi detentori di un personale oltre i 18m: come ti fa sentire l’idea di incontrarli in pedana? Sarà un’emozione unica, ho la pelle d’oca solo al pensiero. Sono onorato di poterli affrontare e allo stesso tempo fiero del lavoro svolto insieme ad Ennio e a Daniele Gandolfi, il mio fisioterapista: abbiamo lavorato in sinergia e i risultati non si sono fatti attendere. Ora bisogna mantenere la concentrazione e finire il lavoro. La qualificazione sarà il primo scoglio: cosa ti aspetti? Quanto servirà per raggiungere la finale? La qualificazione sarà la vera gara per me, perché per passare al turno di finale dovrò saltare il mio personale o quantomeno nelle vicinanze. Sarà dura, ma mai porsi limiti. A chi devi, oltre a te stesso, questo successo? Innanzitutto, al mio allenatore ed alla mia famiglia, elementi davvero indispensabili. Ma altrettanto indispensabili sono stati il mio fisioterapista, la mia ragazza e tutti i miei amici, oltre alla mia società di origine, l’Atletica Piacenza, e a quella per cui gareggio ora, le Fiamme Gialle. Senza tutte queste persone, non sarei potuto giungere fino a qui. Appuntamento dunque al 27 settembre, pronti a sognare insieme ad Andrea, che porterà alto il nome di Piacenza nel mondo in questa nuova avventura in maglia azzurra.

 

Dopo Andrea Dallavalle, convocato ai Campionati Europei u23 a Gavle, un altro saltatore dell’Atletica Piacenza torna a vestire i colori della sua nazionale. Nasko Stamenov rappresenterà infatti la nazionale macedone a Boras, sempre in Svezia, dal 18 al 21 di luglio. Il giovane, cresciuto nella Libertas Cadeo nel vivaio di Gabriele Fortunati, ora in forza al sodalizio biancorosso, grazie anche al contributo di Ennio Buttò, è riuscito a qualificarsi ai Campionati europei u20 mentre gareggiava ai Campionati Balcanici a Cluj Napoca (ROMANIA) il 2 luglio. Grazie ad un ottimo salto, Nasko ha valicato l’asticella a 1,95m: con questa misura, il ragazzo è stato proiettato al quinto posto nella competizione internazionale. L’Atletica Piacenza ha una dimensione sempre più internazionale: dopo le numerose maglie azzurre che i biancorossi contano nella propria storia, soprattutto recente, grazie a Nasko Stamenov può ora contare su altre esperienze in competizioni al di fuori dei confini italiani. Appuntamento dunque nei prossimi fine settimana per i due saltatori fiori all’occhiello dello sport piacentino.

Il giovane atleta macedone dell’Atletica Piacenza Nasko Stamenov è tornato a brillare in occasione dei Campionati balcanici assoluti di Sofia, in Bulgaria. Lo studente modello del liceo Respighi si è regalato un’altra maglia della nazionale maggiore e ha portato alto il nome di Piacenza a livello internazionale. Nonostante una progressione davvero proibitiva, il biancorosso si è reso protagonista di una bella gara: dopo aver valicato 1,95 al secondo tentativo, Nasko è finalmente tornato sopra i 2m, misura che gli mancava da tempo. Il 2,05m, misura successiva, è sfuggita di poco. Si prospetta dunque un finale di stagione entusiasmante per Stamenov, pronto a tornare sulle pedane nazionali.

 A Rubiera (RE), si è tenuto il Trofeo Tania Galeotti e gli atleti biancorossi si sono nuovamente distinti. In buono stato di forma Lorenzo Cesena sui 400hs Uomini: il giovane, al rientro dopo l’estate, ha chiuso il suo giro di pista in 55”04 e con la medaglia d’oro. Terzo Pietro Ferrarini nella stessa gara, ma nella categoria Allievi, con il crono di 59”62. Bene anche Sofia Porcari, prima nei 400hs Donne, con 1’09”49. Record personale per Kirill Visigalli, che nel salto triplo si migliora, portando il suo limite a 12,25m. Buon tempo di Eleonora Nervetti nei 150m Donne, chiusi in 19”25.

Prossima tappa, i Campionati regionali Allievi – Juniores – Promesse a Modena il 21 e 22 settembre.

Andrea Dallavalle, giovanissimo finanziere cresciuto e maturato nell’Atletica Piacenza, ritrova finalmente la maglia azzurra. Dopo una stagione travagliata a causa di piccoli guai muscolari, il prodigio piacentino è rientrato in gara a Imola il 15 giugno, ottenendo la misura di 16,35m. La misura è la seconda in Italia quest’anno nella sua categoria e gli è valsa dunque la qualificazione ai Campionati continentali under23, che si terranno a Gavle, in Svezia, dall’11 al 14 luglio. Nel frattempo, prosegue l’attività dell’Atletica Piacenza prima della pausa estiva. Il 29 giugno, nel meeting Città di Fiorano – Spezzano, si è fatto valere alla grande Simone Boiocchi, che ha vinto i 100m con il tempo di 12”77, guastato dal vento contrario. Insieme all’allenatore-presidente Fabrizio Dallavalle e all’accompagnatore Sergio Mazzocchi, ha contribuito in modo netto ai successi dello sprinter piacentino il suo fisioterapista, Giuseppe Berselli. Ottimi risultati anche nel settore mezzofondo.

Oro per Monia Harbi, che ha corso i 1000m Cadette in 3’10”43. Nei 1000m Cadetti, Davide Bolzoni è giunto secondo grazie all’eccellente crono di 2’47”07, seguito dal compagno di squadra Flavio Zaretti, settimo in 2’54”28. Il 30 giugno a Saint-Christophe (AO) si è tenuto invece il Trofeo Sandro Calvesi Sprint and Hurdles, rassegna sportiva ormai classica del periodo. Secondo posto per Lorenzo Cesena nei 400hs, chiusi in 57” 24 Vince l’argento anche Emma Casati negli 800m, grazie al doppio giro chiuso in 2’26”25. Negli 800m maschili, Filippo Giandini è giunto quinto in 2’01”56. Nei 100m, quarta e nona rispettivamente Eleonora Nervetti e Chiara Rossetti: dopo i tempi ventosi in batteria di 12”17 e 12”88, soltanto Eleonora si è qualificata per la finale, che ha poi concluso al quarto posto con il tempo di 12”37. Personali nei 400m sia per Chiara Rossetti, 1’02”26, sia per Sofia Porcari, 1’03”33, sia per Eleonora Nervetti, 1’03”72.

Emma Casati è entrata a far parte della ristretta cerchia di atleti della nazionale giovanile. Grazie ai brillantissimi risultati ottenuti nella scorsa stagione, la giovane portacolori dell’Atletica Piacenza ha ottenuto la convocazione al suo primo raduno nazionale, tenutosi a Grosseto durante il ponte del primo novembre. Emma, sotto la sapiente guida dello storico tecnico piacentino Giuliano Fornasari, ha conquistato da outsider il titolo italiano ad Agropoli: sotto il caldo sole di giugno, la biancorossa ha concluso i 3000m con una sorprendente volata vincente all’ultimo giro. Il suo record personale è di 10’07”55, davvero ragguardevole e infatti le è valso le attenzioni dei migliori tecnici federali. A Grosseto ha avuto modo di conoscere più da vicino nuove metodiche di preparazione e ha potuto effettuare importanti test: gli stessi test verranno poi ripetuti a Tirrenia, in occasione del secondo raduno con la nazionale giovanile, che avrà luogo a dicembre. Per Giuliano Fornasari è stata occasione di confronto con i migliori tecnici d’Italia e con tecnici storici del calibro di Luciano Gigliotti, allenatore di Stefano Baldini e Gelindo Bordin, entrambi ori olimpici nella maratona rispettivamente ad Atene 2004 e a Seul 1988, nonché di Pietro Endrizzi, tecnico tra i migliori del mezzofondo nostrano. Dopo Andrea Dallavalle e molti altri nella sua storia, l’Atletica Piacenza aggiunge un’altra atleta che ha avuto accesso al giro della nazionale.

L’Atletica Piacenza si affida di nuovo alle sue punte di diamante per tornare al vertice nelle gare di settembre. Emma Casati è giunta terza ai Campionati italiani di corsa su strada, tenutisi ad Asti l’8 settembre. Grazie ad una bella gara sui 6km Allieve, condotta su asfalto bagnato e portata a termine con il tempo di 22’04”, Emma si è riconfermata alla grande tra le migliori interpreti del mezzofondo sul panorama giovanile nazionale. Infatti, la giovane si è laureata campionessa italiana Allieve a giugno e continua a sfornare un successo dopo l’altro. Andrea Dallavalle ha partecipato al meeting internazionale del circuito IAAF di Zagabria, il 3 di settembre. Il giovane finanziere si è reso protagonista di una bella prestazione, maldestramente falsata dai giudici di gara: a causa di una svista allo stacco, la giuria ha annullato il secondo salto, perfettamente valido pur se al limite della pedana. Gli stessi giudici hanno poi validato lo stesso, ma gli addetti alla sabbia avevano ormai cancellato l’impronta, con grande disappunto del ragazzo. Andrea non si è arreso, atterrando successivamente a 16,25m, misura che gli è valsa il settimo posto. Rimane il rammarico per la mancata assegnazione di un salto decisamente più lungo che sicuramente gli avrebbe dato più sicurezza e un probabile terzo posto. E’ tuttavia stata un’esperienza preziosa per il giovane campione, che ha bisogno di gare di livello per abituarsi ai palcoscenici più importanti. Si segnala inoltre l'ottimo risultato di Filippo Arisi, che nel lancio del disco del meeting modenese Crotti-Ruggeri, ha ottenuto lo standard minimo per partecipare ai Campionati italiani Cadetti: il lancio a 34,84m rappresenta una grandissima soddisfazione per il giovanissimo biancorosso, che ritrova se stesso dopo numerosi infortuni tipici dell’età e legati alla crescita. Bene anche Samuel Signaroldi, primo tra i cadetti con 14”77 sui 100hs, Andrea Rinaldi, secondo nel lancio del martello juniores con 50,60m, Rebecca Cravedi, terza con 1’00”15, ed Eleonora Nervetti, quinta con 12”76 nei 100m.

 

Risultati Meeting Regionale su pista - Trofeo Crotti-Ruggeri - Modena

L'Atletica Piacenza registra sei ori, undici argenti e sei medaglie di bronzo nel doppio appuntamento del 12 giugno al Campus Pino Dordoni, che ha ospitato il trofeo CONI e il primo meeting Città di Piacenza. Il miglior risultato di giornata è senza dubbio stato quello di Lorenzo Cesena: dopo il bronzo tricolore, si è riconfermato sui suoi livelli, correndo i 400hs in 54”15, crono che gli è valso l’oro. Oro anche per Andrea Dughetti nel lancio del disco uomini, ottenuto scagliando l’attrezzo a 37,30m; primo posto per le due staffette 4x100: quella femminile, composta da Marta Bona, Gloria Maddaloni, Chiara Rossetti ed Eleonora Nervetti ha dominato la gara e ha abbassato il proprio limite, grazie al tempo di 49”10; quella maschile, condotta da John Adeleke, Lorenzo Perazzoli, Mattia Bongiorni e Samuele Castiglia è riuscita a concludere il giro in 44”59; chiude l’elenco delle medaglie più pregiate Vittoria Ferrari, prima negli 80m Cadette grazie alla volata di 10”43. Numerose anche le medaglie d’argento: Nasko Stamenov ha brillato nel salto in alto, in cui ha valicato l’asticella posta a 1,96; Andrea Rinaldi ha lanciato il disco a 34,46m nella gara Juniores; Eleonora nervetti è giunta seconda nei 100m, corsi in 12”33; Emma Casati ha fatto registrare un bel tempo, 4’45”81 nei 1500 donne; Federica Carlappi nel salto in lungo è atterrata in sabbia a 5,24m; Luca Clerici, 1,57m nel salto in alto Cadetti. Infine, i bronzi: sempre nel disco Uomini, Federico Marzaroli si è fermato alla misura di 33,62; Matteo Ceruti, nella categoria Juniores e sempre nel lancio del disco, è salito sul podio proiettando il disco a 33,04m; un’atra staffetta 4x100 Uomini, composta da Michele Anelli, Michele Segalini, Riccardo Mazzoni e Alessandro Russo, ha concluso la fatica in 46”46; Davide Bolzoni ha chiuso i 1000m Cadetti con l’eccellente crono di 2’47”87; Alessandro Pagani è giunto alle spalle del compagno Luca Clerici nel salto in alto, fermandosi a 1,48m. Si segnalano inoltre i bellissimi risultati ottenuti dai Ragazzi nel trofeo CONI: erano in programma le prove multiple, con il tetrathlon A (60, alto, peso e 600), B (60hs, lungo, vortex e 600) e C (60hs, lungo, peso e 600). Sitota Lambrini ha vinto il tetrathlon B con 2800 punti; Chiara Sverzellati è giunta seconda con 2366 punti; medaglia di bronzo per Carolina Quagliaroli nel tetrathlon A, con il punteggio di 2069; Anna Pissarotti è giunta terza nel tetrathlon C con 2230 punti; Antonio Petitto ha conquistato il bronzo nel tetrathlon B, avendo guadagnato 2135 punti. I risultati sono impreziositi dal fatto che i partecipanti sono stati numerosissimi (oltre 400) e provenienti anche da Lombardia, Piemonte e Toscana, oltre che ovviamente da tutta l’Emilia-Romagna.

 Foto 1° Memorial Citta di Piacenza

Foto Trofeo Coni - Ragazz

iRisultati 1° Memorial Città di Piacenza

Risultati Trofeo Coni - Ragazzi

Sono stati quattro i Cadetti dell’Atletica Piacenza convocati a sostenere i colori dell’Emilia-Romagna ai Campionati italiani di categoria, tenutisi a Forlì il 5 e 6 ottobre. Monia Harbi si è distinta tra i piacentini in gara giungendo sesta nei 1000m femminili con il record sociale di 3’03”05. La giovane si è piazzata ai piedi del podio ed è soltanto al primo anno di categoria: dunque le prospettive sono ottime per l’avvenire. Ottima prestazione anche per Vittoria Ferrari: la portacolori biancorossa si è qualificata per la finale B con il tempo di 48”43, per poi migliorarsi in finale correndo la distanza in 47”36. Sfortunate le prove di Filippo Arisi e di Samuel Signaroldi: il primo non è riuscito a migliorarsi nel lancio del disco, che si è fermato a 26,64m; il secondo si è qualificato per la finale B nei 100hs grazie al crono di 14”67, salvo poi inciampare sul quinto ostacolo del turno successivo e dunque non giungere alla fine. Eccellenti anche le prove dei biancorossi ai Campionati regionali categoria Ragazzi/e, svoltisi a Busseto (PR). Oro per Antonio Maria Petitto sui 60m, chiusi in 8”01: grazie a questo tempo, il giovane ha distanziato il secondo di ben 4 decimi. Non soddisfatto, Antonio è giunto secondo nel salto in lungo, con un bel balzo a 4,86m. Argento per Sitota Lambrini nel getto del peso: fresco vincitore del Trofeo CONI nazionale, il ragazzo ha scagliato l’attrezzo a 14,84m. Bronzo per Carolina Quagliaroli: la ragazza ha valicato l’asticella posta a 1,41m nel salto in alto. Le ottime prove dei Ragazzi dell’Atletica Piacenza conferma la bontà del lavoro svolto da Antonio Parrello, tecnico responsabile del settore giovanile del sodalizio guidato da Fabrizio Dallavalle. Si segnala inoltre l’eccellente chiusura di stagione di Giovanni Tuzzi: a Cremona, il 6 ottobre, il piacentino ha corso i 3000m in 8’43”03, gareggiando di fatto in solitaria.

L’Atletica Piacenza è tornata in pista con i suoi giovani mezzofondisti in occasione del blasonato meeting Melinda di Cles (TN). Emma Casati, dopo il titolo tricolore di giugno, ha subito ripreso confidenza con la pista, piazzandosi dodicesima nei 3000m a livello assoluto e seconda tra le Allieve. Ma quello che più stupisce è il tempo: con il nuovo personale di 10’08”39, Emma ha rifinito il primato provinciale under18. In gara anche Filippo Giandini, apparso ancora non al meglio, pur giungendo dodicesimo al traguardo nei 1500m, grazie al tempo di 4’17”87.Un buon inizio di stagione per i due allievi di Giuliano Fornasari, ormai pronti ad affrontare l’ultima parte di stagione.

Risultati

Proprio quando sembrava che la magica tradizione dell’Atletica Piacenza, dal 2009 sempre almeno un titolo italiano all’anno, stesse per interrompersi, ecco la bellissima sorpresa di Emma Casati a confermarla ai Campionati italiani Allievi di Agropoli (SA), tenutisi dal 21 al 23 giugno. Emma, allenata da Giuliano Fornasari, ha gareggiato sia nei 3000m che nei 1500m. Sono stati i 3000 a portare il titolo: nonostante il caldo torrido, che ha messo a dura prova tutte le partecipanti, la giovane piacentina non si è fatta intimorire e, sempre ben salda nel gruppo di testa, ha infine impressionato con una volata di 300m che ha spiazzato le avversarie e fermato il cronometro a 10’08”94, con ben 11 secondi di personale, record provinciale. Per la prima volta Emma è campionessa italiana, pur essendo soltanto al primo anno di categoria. Emma ha poi corso anche i 1500m, giungendo infine undicesima, con il tempo di 4’48”98. Sempre nel settore del mezzofondo, ha brillato un altro allievo di Fornasari, Filippo Giandini. Dopo aver conquistato il settimo posto in Italia nei 2000siepi, grazie al personale di 6’09”57 che vale anche il primato provinciale, Filippo ha bissato la settima piazza con un magistrale 1500m chiuso in 4’05”02. Ottavo posto per la staffetta 4x100 femminile composta da Marta Bona, Gloria Maddaloni, Chiara Rossetti ed Eleonora Nervetti: le ragazze hanno corso al massimo, effettuando dei cambi precisi e il cronometro ha infatti regalato loro un 49”10, che rappresenta il record personale del quartetto. Numerosi sono stati gli altri primati personali: Eleonora Nervetti ha fatto registrare il suo miglior tempo nei 100 corsi in 12”24, per poi confermarsi sui suoi livelli nei 200, in cui ha fatto 25”79; anche Gloria Maddaloni ha migliorato il suo limite sui 100, portandolo a 12”70; ha abbassato il proprio primato anche Camilla Cesena sui 100hs, superati in 15”63; la staffetta 4x400 maschile di Mattia Bongiorni, Andrea Scilio, Matteo Milani e Pietro Ferrarini ha corso il miglio in 3’33”34; bene anche i 400hs con Sofia Porcari, 1’10”47, e Matteo Milani, che si è migliorato, correndo il giro con le barriere in 1’00”09.

L’Atletica Piacenza raccoglie nuovamente i frutti di un lavoro di valorizzazione dei ragazzi del territorio piacentino: tutti i 12 partecipanti agli italiani sono atleti cresciuti nel vivaio biancorosso e poi portati alle massime competizioni senza cessioni a società esterne, così da portare alti i colori della città e della provincia.

 

Foto

Risultati

Si chiude un altro splendido weekend di gare per l’Atletica Piacenza, impegnata nella finale del gruppo adriatico dei Campionati nazionali di Società Allievi, tenutisi a Modena il 28 e il 29 settembre. Il sodalizio biancorosso ha schierato sia la squadra maschile che quella femminile: la prima si è posizionata decima, la seconda invece quarta, ai piedi del podio. Ci sono stati diversi risultati individuali davvero esaltanti. Ha mancato la tripletta Filippo Giandini: nei 1500m, Filippo è infatti caduto mentre affrontava la volata finale. Tuttavia, il giovane non si è arreso: il giorno seguente, ha vinto il rush finale degli 800m, chiusi in 2’00”68, resistendo tenacemente alle incursioni avversarie. E’ inoltre stato protagonista della bellissima staffetta 4x400 con Bongiorni, Matteo Milani e Pietro Ferrarini, prima al traguardo con 3’33”33. Tripletta invece per Mattia Bongiorni: oltre all’oro nella staffetta, il giovane ha vinto i 400m con il personale di 52”04. Mattia non è poi riuscito a fare tris d’oro, aggiudicandosi comunque l’argento con 23”43 sui 200m. Chiude la lista dei medagliati maschili Matteo Milani: nei 400hs, il portacolori biancorosso ha ottenuto la medaglia di bronzo con il tempo di 58”16. Greta Sgorbati si è notevolmente migliorata, giungendo seconda sia nel salto in lungo sia nel salto triplo: nella prima gara ha portato il proprio personale a 5,12m; nella seconda invece ha saltato 10,67m. Emma Casati si è misurata con eccellenti avversari nelle medie e lunghe distanze dei 1500m e 3000m: nei 1500 è giunta al terzo posto, grazie al crono di 4’42”25; nei 3000m è arrivata all’argento, correndo in 10’07”55. Sofia Porcari ha affrontato la gara dei 400hs: nonostante numerosi errori tecnici, la portacolori biancorossa è giunta terza con il record personale di 1’08”47 e la consapevolezza di poter migliorare ancora tanto. Inoltre, Sofia è stata protagonista della staffetta 4x100 insieme alle compagne Marta Bona, Chiara Rossetti ed Eleonora Nervetti: le 4 hanno vinto la gara con il tempo di 50”31. Altra tripletta biancorossa grazie ad Eleonora Nervetti: dopo l’oro nella staffetta, Eleonora ha vinto i 100m in 12”51 e ha poi conquistato l’argento correndo i 200m in 26”14 ad un soffio dal gradino più alto del podio. L’Atletica Piacenza chiude dunque il fine settimana e la stagione Allievi con un bottino di 5 medaglie d’oro, quattro d’argento e due di bronzo ai Campionati nazionali di Società.

 

Foto

Risultati

Proseguono le avventure internazionali di Nasko Stamenov. Il portacolori dell’Atletica Piacenza e studente modello del liceo Respighi di Piacenza è stato protagonista e trascinatore della nazionale maggiore macedone, all’interno della serie D della Coppa Europa, tenutasi a Skopje, Macedonia, dal 9 all’11 di agosto. Dopo la positiva esperienza svedese a Boras, in occasione dei Campionati Europei u20, Nasko ha infine fatto ingresso nell’atletica dei grandi, cimentandosi addirittura in due gare. Nel salto in alto si è classificato al quarto posto, valicando per l’ennesima volta in questa stagione la ragguardevole misura di 1,95m. A sorpresa, per esigenze di squadra, Nasko ha dovuto “coprire” il salto triplo: impresa in cui è riuscito con 12,41m, misura non scontata per un non addetto. Ora finalmente il portacolori biancorosso avrà occasione di riposare, dopo le fatiche internazionali e prima degli imminenti impegni agonistici autunnali.

Prosegue la stagione dell’Atletica Piacenza, impegnatissima nei Campionati italiani e regionali delle diverse categorie. Il weekend del 15 e 16 giugno, si sono tenuti i Campionati italiani FISDIR a Macerata. A portare alti i colori biancorossi è stato ancora una volta Simone Boiocchi. Splendido interprete delle gare di velocità, Simone è ai vertici della sua categoria da anni ormai e questa occasione ne è stata la conferma. Sabato 15, il giovane si è cimentato nei 100m. Una volata magistrale gli ha consentito di infrangere il proprio primato personale, portandolo a 12”37, e di aggiudicarsi la quarta piazza della categoria Assoluti e l’argento in quella Seniores. Domenica 16 è stata la volta dei 200m: anche nel mezzo giro, Simone si è migliorato, fermando il cronometro a 25”32, che ha rappresentato un altro quarto posto assoluto e il bronzo nella sua categoria. Risultati eccellenti per lo sprinter piacentino, fiore all’occhiello dell’Atletica Piacenza, associazione in grado di valorizzare tutti i ragazzi che siano disposti a mettersi in gioco, indipendentemente dalle situazioni di partenza: grazie infatti alle sapienti cure dell’allenatore e presidente Fabrizio Dallavalle, coadiuvato da Sergio Mazzocchi, Simone negli ultimi anni ha raggiunto numerosi risultati nello sport e fuori. Domenica 9 giugno si sono invece tenuti i Campionati di società regionali della categoria Ragazzi e Ragazze. L’Atletica Piacenza ha schierato due nutrite compagini, guidate dal responsabile di settore Antonino Parrello: quella maschile è infine giunta nona, quella femminile invece quattordicesima. I migliori risultati individuali sono stati quelli di Sitota Lambrini: dopo aver scagliato il peso a 15,62m, record personale, Sitota ha corso i 1000m in 2’58”67. Bene anche Antonio Petitto nel salto in lungo, in cui è arrivato ottavo con un salto a 4,12m. Carolina Quagliaroli è giunta quarta nel salto in alto, grazie ad una bella serie di salti, culminata con 1,37m. Si segnala inoltre il rientro in pedana di Andrea Dallavalle nel salto triplo: a Imola, in occasione dei Campionati italiani di società, il giovane finanziere ha impressionato, saltando 16,35m. La misura rappresenta la seconda prestazione under23 dell’anno e il minimo di partecipazione per i Campionati Europei under23. Nuovi favolosi risultati quindi per l’Atletica Piacenza, infaticabile nella sua attività.

Foto Faenza

Risultati Faenza

Andrea Dallavalle è ai nastri di partenza in questa sua nuova avventura ai Campionati mondiali di atletica leggera. Il giovane cresciuto nell’Atletica Piacenza in forze al gruppo sportivo Fiamme Gialle è il secondo piacentino della storia, dopo Manuela Gentili, ad essere stato convocato in nazionale maggiore per l’evento iridato. La gara di qualificazione si terrà il 27 settembre alle 19:25 (18:25 ora italiana) allo Stadio Khalifa di Doha, in Qatar. La diretta sarà disponibile sul sito www.fidal.it, cliccando sugli articoli riguardanti la manifestazione, oppure su Raiweb. In differita, anche sul digitale terrestre su Rai Sport. Ci sarà dunque anche un po' di Piacenza in questa rassegna iridata, grazie al talento piacentino Dallavalle, che darà il massimo per portare alto il nome della nostra città.

L’Atletica Piacenza conferma la sua caratura nazionale ed internazionale grazie ai suoi due alfieri, Nasko Stamenov e Andrea Dallavalle. Il primo è stato convocato dalla nazionale del suo Paese, la Macedonia, ai Campionati Europei under20 a Boras, tenutisi in Svezia dal 18 al 21 luglio.  Il giovane saltatore in alto non è riuscito a superare la fase eliminatoria, pur confermandosi sui suoi livelli. E’ infatti stato capace di valicare l’asticella posta a 1,95m, miglior prestazione stagionale del giovane, che esce dunque da un periodo difficile dal punto di vista degli infortuni, collezionando un’altra esperienza internazionale. Ora, per il giovane portacolori biancorosso ed ex Libertas Cadeo, si aprono le porte per la Coppa Europa, competizione a squadre per nazionali.  Andrea, fresco bronzo europeo nel salto triplo, ha invece affrontato i Campionati italiani Assoluti a Bressanone, il 28 luglio. Nella bellissima cornice montana della Reiffeisen Arena, guastata soltanto da un tempo incerto e umido, la stella dell’Atletica Piacenza in forza alle Fiamme Gialle non è riuscito a trovare il bandolo della matassa. Nonostante una buona serie di salti, quasi tutti sopra ai 16m, il giovane ha faticato a trovare confidenza con la pedana, fermandosi infine a 16,24m e al quinto posto finale. Per quanto la giornata sia stata complessivamente non soddisfacente, Andrea ha comunque dimostrato di saper affrontare a testa alta e con risultati più che dignitosi anche una situazione difficile: è capitata una giornata no, comprensibile anche alla luce di due appuntamenti importanti come europei e nazionali così ravvicinati tra di loro. I giovani dell’Atletica Piacenza non cessano di regalare lustro alla città, lottando per emergere anche nei momenti negativi.

Ancora una volta l’Atletica Piacenza ha trovato il podio in una delle massime rassegne nazionali. Ai Campionati italiani under20 e under 23, tenutisi nello stadio Raul Guidobaldi di Rieti dal 7 al 9 giugno, Lorenzo Cesena ha trovato, per il secondo anno consecutivo, il bronzo a livello nazionale. L’avventura del giovane biancorosso allenato da Giovanni Baldini è iniziata nel tardo pomeriggio di sabato, con i turni di qualificazione: una semplice formalità per Lorenzo, che infatti ha ottenuto il suo posto in finale grazie ad un buon tempo di 54”58. Domenica mattina, alle 10:30, è scoccata l’ora della resa dei conti: in finale, Lorenzo ha lottato senza lasciarsi intimorire dagli avversari, concludendo infine il giro di pista in mezzo alle barriere in 54”06 al terzo posto, davanti anche ad avversari inizialmente meglio quotati. Pur essendo soltanto al primo anno di categoria u20, Lorenzo si è riconfermato tra i migliori interpreti della specialità a livello italiano, mostrando peraltro buoni margini di miglioramento. Non solo Lorenzo Cesena ha vestito i colori dell’Atletica Piacenza ai Campionati italiani: il sodalizio biancorosso ha infatti schierato altri sette atleti dei dieci qualificatisi per l’appuntamento tricolore. Ottima prova nei 3000siepi u20 per Pietro Ofidiani: il giovane, allenato da Giuliano Fornasari, ha condotto una gara ragionata ed insieme decisa, che l’ha portato a fermare il cronometro a 9’40”68, abbassando il proprio precedente primato personale di circa 15 secondi. Pietro lascia ben sperare per il prossimo anno, essendo solo al primo anno di categoria. Record anche per Andrea Rinaldi: recuperato in extremis da un infortunio alla caviglia, lo junior di Mattia Cavazzuti ha scagliato il martello da 6 kg a 49,64m, mancando la finale di poche posizioni. Anche Andrea è solo al primo anno di categoria e avrà modo il prossimo anno di giocarsela con i migliori d’Italia. Bene anche Anna Ofidiani e Rebecca Cravedi, rispettivamente nei 800m e nei 100m u23, entrambe atlete categoria u23 allenate da Fornasari. La prima ha corso gli 800m in 2’19”20; la seconda ha dovuto rinunciare alla sua specialità, i 400m, a causa di un dolore ad una caviglia, potendo tuttavia partecipare ai 100m, chiusi poi in 12”54. Sfortunate invece le prove di Clara Vullo, scivolata durante i 3000siepi u23, ma giunta caparbiamente al traguardo nonostante la caduta in 12’12”63, di Gaia Massari, per pochissimo esclusa dalla finale del salto u20 in alto, avendo saltato 1,55m, e Nasko Stamenov, anch’egli escluso dalla finale del salto in alto u20 avendo saltato 1,90m. I protagonisti di questi Campionati nazionali e quelli dei prossimi Campionati italiani u18 saranno inoltre presenti al 1°meeting Città di Piacenza, manifestazione regionale organizzata dall’Atletica Piacenza per promuovere lo sport sul territorio e per dare ai ragazzi la possibilità di mettersi in gioco con atleti proveniente da dentro e fuori la Regione. Le gare inizieranno alle 18.30 e si protrarranno fino alle 21.30 del 12 giugno: il fascino che soltanto le gare serali riescono a trasmettere sarà d’ispirazione per tutti i giovani protagonisti e sicuramente il livello tecnico sarà elevato. Il meeting sarà infatti un preludio ai prossimi Campionati italiani u18 di Agropoli e rappresenterà dunque l’ultima occasione di molti Allievi e Allieve per qualificarsi, mentre per chi è già in possesso dello standard minimo di partecipazione sarà un’occasione di testare il proprio stato di forma e di rifinire la propria preparazione. Saranno inoltre assegnati due premi speciali, in ricordo di due giganti dell’atletica leggera piacentina: i fratelli Felice e Claudio Enrico Baldini. In memoria del primo verrà assegnato un trofeo al vincitore del salto in alto maschile Assoluti, mentre a ricordo del secondo il riconoscimento andrà alla più veloci delle concorrenti della categoria Assoluti donne. Appuntamento dunque al Campus Pino Dordoni per una serata ricca di emozioni, ancora una volta targate Atletica Piacenza.

Foto

Risultati

Il weekend del 21 e 22 settembre è stato tempo di Campionati Regionali per l’Atletica Piacenza. A Misano Adriatico (RN), si sono tenuti i Campionati regionali della categoria Cadetti. Il sodalizio biancorosso si è distinto grazie a 2 ori, 2 argenti e 4 bronzi. Samuel Signaroldi ha vinto la gara dei 100hs siglando un bellissimo personale di 14”28: prestazione notevole, giunta dopo continui miglioramenti tecnici nella specialità. Oro anche per Monia Harbi, nei 1000m: grazie ad una progressione magistrale, anche Monia è riuscita a battere il proprio primato, ora di 3’07”62. Sempre la giovane mezzofondista è stata in grado di correre i 2000m in 7’04”00, abbassando il suo record di 13 secondi e mettendosi la medaglia d’argento al collo. Secondo posto raggiunto nel lancio del disco anche da Filippo Arisi, che è riuscito a scagliare l’attrezzo a 33,14m.Davide Bolzoni ha migliorato la sua miglior prestazione sui 1200siepi, grazie ad una volata di 3’36”80. Negli ostacoli femminili, doppietta di bronzo per Vittoria Ferrari, 12”88 nei 80hs e 48”10 nei 300hs. Chiude la lista dei medagliati Christabell Acheampong, terza nel salto triplo con la misura di 10,25, suo primato personale. Questi Campionati sono serviti come “trials” per formare la rappresentativa regionale che parteciperà ai Campionati italiani Cadetti da tenersi il 5 e 6 ottobre a Forlì. Grazie alle loro prestazioni, saranno 4 gli atleti biancorossi che parteciperanno: Samuel Signaroldi, Monia Harbi, Filippo Arisi e Vittoria Ferrari. Nel frattempo, a Modena, si tenevano i Campionati regionali Allievi, Juniores e Promesse. In questa occasione, l’Atletica Piacenza ha fatto letteralmente incetta di medaglie: il bottino comprende 13 ori, 5 argenti e 7 bronzi. Doppietta individuale nel mezzofondo per Emma Casati e Filippo Giandini: la prima ha dominato i 1500 Allieve in 4’46”66 e i 3000m in 10’15”07; il secondo ha battuto la concorrenza negli 800 e nei 2000siepi Allievi, rispettivamente in 1’58”52 e 6’23”58, per poi vincere anche il titolo nella staffetta 4x400 con i compagni Bongiorni, Scilio e Ferrarini, che hanno chiuso il miglio in 3’34”91. Anche le staffette 4x100 Allievi e Allieve si sono classificate al primo posto: quella femminile composta da Bona, Porcari, Rossetti e Sgorbati ha chiuso il giro in 51”19, mentre quella maschile di Mazzoni, Milani, Ferrarini e Castiglia in 46”35. Lorenzo Cesena ha vinto i 400hs Juniores in 55”73 ed è giunto secondo nei 400m in 50”78, mentre l’omonima Camilla Cesena si aggiudicava il salto in alto Allieve, per poi essere anche terza nei 100hs femminili con 16”11. Oro anche nel salto in lungo Allieve grazie a Greta Sgorbati, che dopo aver migliorato il suo personale nel salto triplo, portato a 10,37m, ha migliorato anche nel lungo con 5,04m. Hanno vinto anche Nasko Stamenov nel salto in alto Allievi, in una gara compromessa dalla pioggia, con 1,84m, Matteo Ceruti, 12,14m nel getto del peso Juniores, e Rebecca Cravedi nei 400m Promesse con 59”96. Rebecca è anche giunta terza nei 200m Promesse con 26”31. Secondi posti per Sofia Porcari, 1’08”91 nei 400hs Allieve, Andrea Amore, 4’17”28 e anche bronzo negli 800m con 2’02”04, Andrea Rinaldi nel lancio del martello, scagliato a 49,01m, e per Federica Carlappi nel salto triplo, grazie ad un balzo a 11,14m. Numerose, infine, anche le medaglie di bronzo: Mattia Bongiorni si è aggiudicato la terza piazza con 52”30 nei 400m Allievi, Chiara Rossetti è giunta terza nei 200m Allieve con il crono di 27”22; Claudia Ferri è salita sul gradino più basso del podio del salto in lungo con la misura di 4,69m e così anche Sara Bertuzzi nel triplo Juniores con 10,31m.  L’Atletica Piacenza si conferma una società sportiva a tutto tondo, in grado di sviluppare i talenti provenienti dal territorio e di portare alto il nome della città a livelli nazionali e, in qualche caso, anche internazionali o mondiali.

Foto

Risultati

Andrea Dallavalle è ufficialmente tornato alla ribalta ai Campionati Europei under23 di Gavle. Dopo una stagione claudicante a causa di qualche infortunio, l’allievo di Ennio Buttò è tornato a far parlare di sé nella più importante rassegna giovanile europea, proiettandosi ai Campionati mondiali Assoluti di Doha del prossimo autunno. L’avventura azzurra è iniziata sabato 12 sera alle 17:30, con le qualificazioni. Andrea ha dovuto prendere confidenza con la pedana, imprimendo al primo salto la misura di 15,88m, per poi qualificarsi definitivamente con 16,32m al secondo salto. In finale, il giorno seguente, il biancorosso si è presentato accompagnato dal compagno di squadra Tobia Bocchi, quarto al termine. Il giovane tesserato per l’Atletica Piacenza e per il Gruppo Sportivo Fiamme Gialle ha subito preso la testa della gara, atterrando a 16,60m nella sabbia. Ma è stato il secondo tentativo a consacrare Dallavalle miglior triplista italiano dell’anno in assoluto: dopo una rincorsa decisa seppur non perfetta, Andrea ha magistralmente balzato a 16,95m. Questa misura rappresenta il pass per partecipare ai Campionati Mondiali assoluti di Doha, in Qatar, previsti per l’autunno. Il talento azzurro ha dovuto piegarsi soltanto a due avversari, ben più quotati e già più maturi: il turco Er, 17,37m, e l’azero Babayev, 17,03m. Tra i più giovani della competizione, dopo questo bronzo, Andrea appare in mcrescita costante e le sue prospettive sono eccellenti. Cresciuto nel vivaio dell’Atletica Piacenza grazie anche alle sapienti cure dell’allenatore Ennio Buttò e del fisioterapista Daniele Gandolfi, il neo finanziere ora si appresta a vivere il sogno di partecipare alla massima competizione globale, seconda solo alle Olimpiadi.

Pagina 1 di 7